91

numeri

Zagor 116
Zagor 117
Zagor 118
(Zenith 167/169)

copertine

Zagor 116
Zagor 117
Zagor 118
Collezione storica 47
Collezione storica 48

La Scure e La Sciabola (l'Uomo Venuto Dall'Oriente)

239 pagine

Testi: Guido Nolitta

Disegni: Franco Bignotti

Locazioni

Personaggi
La storia
Gli avversari
Drunky Duck, disegno di Franco Bignotti
Drunky Duck
Mano Sicura, disegno di Franco Bignotti
Mano Sicura
Capitano Davis, disegno di Franco Bignotti
Capitano Davis
Tonka, disegno di Franco Bignotti
Tonka

Trama

- Un giorno di massima tranquillità al rifugio della palude, fino a quando l'arrivo di Drunky Duck, è foriero di una misteriosa lettera latrice di preoccupazioni. Lo sconosciuto Mr Ferguson, allevatore e proprietario terriero, richiede con urgenza la presenza di Zagor per parlargli di un importante problema che sembra coinvolgere anche lo Spirito con la Scure.

- Qualche giorno più tardi Zagor e Cico raggiungono la fattoria di Ferguson, un vero e proprio fortino, dove fanno l'inaspettata conoscenza di un nobile giapponese, Okada Minamoto. I modi dell'orientale sono affettati e cerimoniosi e niente fa presagire la furia che si nasconde dietro tanta apparente serenità.

- Ferguson viene al punto. Una folta banda di grassatori, almeno una ventina di banditi, lo ha derubato di numerosi capi di bestiame. L'allevatore all'inizio ha seguito la prassi consueta, rivolgendosi alla guarnigione di Forte Loyalty per recuperare i suoi animali. Purtroppo la guarnigione è sottodimensionata e nessun soldato può essere distaccato per operazioni di polizia.
Ferguson quindi informa Zagor di aver assoldato una propria milizia personale, in parte composta di comuni pistoleri, ma, la cui punta di diamante è un esercito di mercenari giapponesi dei quali Minamoto è il condottiero: i Samurai.
Cico prende sottobanco la capacità belligerante di Minamoto e dei suoi accoliti, fino a quando l'orientale non si presenta bardato in un'armatura da combattimento e molto meno incline a sopportare gli sberleffi del messicano.

- Dal canto suo Zagor è profondamente preoccupato. Che uomini possono essere quelli che attraversano un oceano solo per combattere una battaglia? Si accontenteranno di spazzare via la banda di grassatori o l'emozione della lotta si esaurirà troppo presto e sarà insufficiente per soddisfare la loro brama di combattimento? E dopotutto questi uomini sono solo mercenari, non si preoccupano di combattere dalla parte giusta o da quella sbagliata, hanno solo due obiettivi: la guerra e il bottino.

- Il mattino dopo Zagor e Cico guidano i mercenari verso i monti Dragoon, dove Ferguson è sicuro sia localizzato il covo dei banditi. Zagor ha due obiettivi: il primo evitare attriti con le tribù Shawnee della zona, sicuramente allertate dal passaggio di un manipolo di uomini armati fino ai denti, il secondo impedire che la battaglia ventura si trasformi in una carneficina.
Minamoto dal canto suo mostra grande ammirazione per Lo Spirito con la Scure del quale ha sentito narrare gesta memorabili. Appena giunti sui Monti Dragoon, Zagor ha un immediato assaggio della spietatezza gelida di Minamoto, che uccide in pochi secondi due banditi di guardia, con arco e katana.

- Ancor più deciso a terminare al più presto la battaglia, Zagor fa un'incursione preventiva, nella capanna dei banditi, ma l'unico risultato che ottiene e agevolare l'assalto dei samurai che passano all'arma bianca tutti i razziatori, non lasciandone neanche uno in vita. Nell'occasione Zagor salva la vita a Minamoto, che promette riconoscenza.
I due alleati estemporanei si separano ma Minamoto chiude l'incontro con una frase sibillina: non è detto che non si incontreranno di nuovo.

- Qualche tempo dopo i due amici sono in visita al piccolo accampamento Delaware di Mano Sicura. La tranquillità della piccola comunità è interrotta da un attacco fulmineo e devastante dei samurai di Minamoto. A nulla valgono gli sforzi di Zagor che è destinato a soccombere alla furia e al numero soverchiante degli avversari. In una manciata di minuti i samurai massacrano tutti senza risparmiare donne e bambini.
Minamoto paga il suo debito d'onore con Zagor impedendo che venga ucciso dai suoi uomini, ma ammonisce Cico a tenerlo lontano dalla sua strada, non ci sarà una seconda occasione.

- è uno Zagor furioso quello che arriva a Fort Loyalty. Il suo amico capitano Davis però non

RIASSUNTO DEI SINGOLI ALBI:
Zagor 116 - Zagor 117 - Zagor 118

NOTE

Barry diventa Perry

Cicorabilia:

  • Cico cerca di iniziare un ambizioso componimento: la Zagoreide.
    Ballata che si ripropone di esaltare l'eroicità di Zagor, con un versetto al giorno.
  • Il suo proposito viene però viene interrotta dall'arrivo di Drunky Duck e del suo pappagallo Paquito: il primo di uno stuolo di bestiacce che intende impiegare nel nuovo servizio di Posta Aerea .
    vedi Cico natura
George Ferguson, disegno di Franco Bignotti
George Ferguson
Okada Minamoto, disegno di Franco Bignotti
Okada Minamoto
Jonas, disegno di Franco Bignotti
Jonas
Sakamoto, disegno di Franco Bignotti
Sakamoto
Edmund J. Perry, disegno di Franco Bignotti
Edmund J. Perry