o

o

o

navigazione
cerca nel sito

Le pagine sui fumetti in rete| edicola | l'uomo ragno

Scheda sul numero 516 dell'Uomo Ragno

scheda realizzata da Vittorio Sossi
ATTENZIONE: nelle sinossi troverete la trama delle storie.
Le immagini sono proprietà dei rispettivi autori, sempre indicati, e utilizzate solo a scopo informativo.

| More

Copertina
copertina di Ron Garney e Marko Djurdjevic
			What If... Spider-Man Back in Black 1 © Marvel Comics

Uomo Ragno 516

collana: Uomo Ragno

periodicità: quindicinale

Data Uscita: 03 settembre 2009

pagine: 80

prezzo: 3,00 euro

sommario:
1- un vuoto da riempire
2- Il Pugno
3- E se... Avessero sparato a Mary Jane invece che a Zia May?

editoriali e inserti:

editore: Panini Comics

copertina di Ron Garney e Marko Djurdjevic
What If... Spider-Man Back in Black 1 © Marvel Comics

Le Storie

1- un vuoto da riempire

storia originale: Fill In The Blank da The Amazing Spider-Man 580 del febbraio 2009

autori: Roger Stern storia, Lee Weeks matite, Lee Weeks chine, Dean White colori, Fabio Ciacci e Ester Colombarini Lettering, Pier Paolo Ronchetti traduzione

Avversari: Il Vuoto rapinatore;

Personaggi principali: May Parker zia di Peter; Ray Donovan agente del FBI;

2- Il Pugno

storia originale: The Punch da Amazing Spider-Man Family 3 del febbraio 2009

autori: J. M. Dematteis storia, Val Semeiks matite, Lanning, Olazaba & Justice chine, Mossa & Crossley colori, Fabio Ciacci e Ester Colombarini Lettering, Pier Paolo Ronchetti traduzione

Personaggi principali: Flash Thompson amico - rivale di Peter; Bobby Grillo rapinatore in erba; May Parker zia di Peter; madre di Bobby;

3- E se... Avessero sparato a Mary Jane invece che a Zia May?

storia originale: What If... Mary Jane Had Been Shot Instead of Aunt May? da What If... Spider-Man Back in Black 1 del febbraio 2009

autori: Steven Grant storia, Gus Vasquez matite, Gus Vasquez chine, Frank Martin colori, Fabio Ciacci e Ester Colombarini Lettering, Pier Paolo Ronchetti traduzione

Personaggi principali: Eddie Brock Ora diventato Venom; Uomo Ragno Peter Parker;

Sinossi

1- un vuoto da riempire

Zia May viene coninvolta in una rapina in banca. Il rapinatore è un insolito supercriminale, chiamato il Vuoto, protetto da un campo di forza che fa scivolare la ragnatela, lo protegge dai colpi e dai proiettili e ne nasconde i lineamenti.

Peter avvertito per telefono dalla zia, si cambia e si precipita sul posto. Il Vuoto però riesce a sfuggirgli tra le mani.
In banca incontra un agente del FBI che conosce, Ray Donovan, e che gli fornisce parecchie informazioni utili portandolo con sé ad una conferenza stampa sul supercriminale.
Questo tizio era un nemico di Wonder Man e dei Vendicatori della Costa Ovest. Deve i suoi poteri ad una cintura energetica in grado di generare il campo di forza. Dopo una sua alleanza con Graviton, chiusasi malamente, quando quest'ultimo lo ha colpito con un fortissimo raggio gravitazionale, la cintura si è fusa con il suo sistema nervoso centrale.
Il Vuoto, che dice di chiamarsi Clyde, ha quindi un problema sempre più pressante: quello di non finire i suoi giorni prigioniero del campo di forza, in quanto gli riesce sempre più difficile controllarlo e tornare alla forma normale.
I soldi delle rapine li deve dare ad un medico che ha promesso di aiutarlo a liberarsi del dono che gli crea ora più problemi che vantaggi.

Peter non si fida delle promesse del FBI di catturare il criminale, per cui decide di agire in proprio. Appiccica una ragno spia a Donovan, in modo da controllarne le mosse e si trova quindi sul posto, insieme al FBI, durante la seguente rapina del Vuoto.
Ha sviluppato una ragnatela più viscosa, in modo da avvolgerlo senza che scivoli via sul campo di forza.
Tutto va secondo i piani e Peter consegna il Vuoto a Donovan.

Sembra una storia di trent'anni fa... Stern mi è sempre piaciuto poco...

2- Il Pugno

Peter, nei primi giorni della carriera ragnesca, sventa una rapina da parte di uno sbandato, Bobby, e lo colpisce con un pugno che non riesce a calibrare, provocandogli seri danni.

Bobby ha un pessimo rapporto con la madre, alcolizzata, che in cuor suo accusa per non avere fermato le crisi violente del padre, che picchiava entrambi. L'unica lingua che ha sempre dovuto imparare Bobby è quella delle botte e dei pugni.

Spidey si reca in ospedale per vedere come sta il ragazzo ma questi, alla sua vista, urla terrorizzato, costringendolo ad allontanarsi. Peter è in crisi profonda. Si domanda se l'acquisizione dei poteri lo stia cambiando trasformandolo in un violento, lui che non era mai stato coinvolto in una rissa.

Questo preguidica ancor di più i rapporti con Flash. Se fino al giorno prima Peter stava pensando di dargli una lezione, ora, davanti alle sue smargiassate, è costretto a fuggire per paura di fargli male senza volerlo.

La madre di Bobby cerca di ricucire il rapporto con il figlio, una volta tornato a casa. Il ragazzo però è pieno di rabbia e di rancore: non perdona alla madre di essere rimasta a subire la violenza del marito e non crede che lei lo ami, altrimenti sarebbe stata più coraggiosa e lo avrebbe portato via.

Peter invece ripensa ad un vecchio discorso con Ben sulla violenza: Ben gli aveva detto che essere un eroe non significava prendere a pugni la gente ma anteporre il bene degli altri al proprio.

Mentre l'Uomo Ragno si reca a casa di Bobby per rimediare al danno, Bobby decide che se non è sufficiente la forza dei pugni occorre qualcosa di più per farsi rispettare, e compra una pistola...

Non occorrerà un confronto diretto. Bobby vede Spidey salvare un mucchio di persone, compreso lui, dal crollo di una gru e capisce che l'Uomo Ragno non è un gradasso come suo padre, capendo anche l'errore che stava per compiere. Getta la pistola e ricuce il rapporto con la madre.

Alla fine della storia Flash e Peter si affrontano: il primo capisce che Parker non è quel pavido che sembra e il secondo che Flash non è quell'idiota completo che dimostra spesso di essere. L'inizio di una lunga amicizia firmato con classe da J M De Matteis.

3- E se... Avessero sparato a Mary Jane invece che a Zia May?

Se invece di ferire a morte Zia May (visto in Uomo Ragno 470 il proiettile del killer di Kingpin avesse ucciso Mary Jane? Cosa sarebbe successo?

Peter raggiunge il killer che è al telefono con Kingpin, ancora recluso in prigione e lo uccide a mani nude.

Fisk conivolge Iron Man, mettendolo al corrente delle minacce di morte ricevute, mentre zia May cerca inutilmente di convincere Peter a recarsi dalla polizia. L'unica cosa che ha in mente il ragazzo è la vendetta.

Peter raggiunge Ryker's Island mentre lo SHIELD sta attuando il trasferimento di Fisk, su un auto volante. Peter si attacca alla macchina cercando di farla precipitare quando viene bloccato da Iron Man.

Dopo una furibonda lotta Peter riesce a disassemblare l'armatura di Stark ed è libero di raggiungere Kingpin all'aeroporto di Newark. Il grassone ha però già pronta una contromossa. Due poliziotti corrotti tengono sotto tiro Zia May. Pensa di avere la situazione in pugno e vuole ammazzare di botte l'Uomo Ragno senza che lui possa difendersi, per la minaccia alla vita di May.
Peter però non si lascia incantare e lo uccide immediatamente, piantandogli un pugno nel petto con tutta la forza a sua disposizione. I due poliziotti si guardano bene dallo sparare a May e si arrendono immediatamente.
All'arrivo di Stark, Spidey si consegna alla polizia e pretende di essere processato secondo la costituzione, ha in mente di coinvolgere anche l'operato di Stark nel dibattimento in quanto lo ritiene responsabile, insieme a lui, della morte di Mary Jane.

Navigazione

Schede disponibili

Uomo Ragno nel web

Tutti i link catalogati in Fumettando sull'arrampicamuri, siti ufficiali e siti di fan.

Fumettando contiene 5 link. Se ne conosci altri da segnalare compila il form a questo link.

cronologia Uomo Ragno

Su Fumettando non è presente una cronologia.
Puoi trovare una cronologia italiana in rete nel sito UBC fumetti al link sottostante

GIF dell'Uomo Ragno

Su Fumettando è presente una raccolta di gif animate dell'Uomo Ragno.
clicca sotto per andare alla sezione

Personaggi