34

numeri

21
(72)

copertine

zagor 21
Collezione storica 10
Collezione storica 11

Lo Stregone Scomparso (La Furia di Zagor)

72 pagine

Testi: Guido Nolitta

Disegni: Gallieno Ferri

Locazioni

Personaggi
La storia
Gli avversari
Fred Salomon, disegno di Gallieno Ferri
Fred Salomon
Tawar, disegno di Gallieno Ferri
Tawar
Lo Spirito delle Acque, disegno di Gallieno Ferri
Lo Spirito delle Acque
Tecondah, disegno di Gallieno Ferri
Tecondah
Lo Spirito del Fuoco, disegno di Gallieno Ferri
Lo Spirito del Fuoco

Trama

Breve siparietto di Cico alle prese con un boomerang e poi inizia la storia vera e propria, collegata alla precedente L'Inferno dei Vivi.

Zagor sembra aver dimenticato la promessa fatta a Tawar lo stregone esiliato dai Tunican, fino a quando non gli appare in una visione e gli ricorda il suo giuramento.

Zagor trascina Cico nella caverna dove Tawar gli aveva dato rifugio e salvato la vita: Ŕ vuota e con inequivocabili segni di lotta.

L'unico modo per avere sue notizie Ŕ recarsi all'accampamento dei Tunican, anche se Ŕ una trib¨ da sempre nemica di Zagor.
L'accoglienza Ŕ quella prevedibile, ma, dopo qualche scazzottata, Zagor riesce a convincere un guerriero ad annunciarlo al capo della trib¨. Scopre cosý che il vecchio sakem, Onolka, ha abdicato in favore di suo figlio Muso Da Tamburo, che ha adottato un nome forse meno buffo ma altrettanto ridicolo, dopo aver studiato nelle scuole dei bianchi: Mister-Mister.
L'origine del nuovo nome fa sospettare subito i due amici di trovarsi davanti un mentecatto: se ogni bianco, anche quelli che non valgono niente, si fa chiamare Mister, lui che Ŕ un capo deve farsi chiamare Mister-Mister!

Non Ŕ da meno la sorpresa quando i due amici arrivano all'accampamento: Mister-Mister vive in un palazzo vero e proprio, di architettura neoclassica, ispirato ai palazzi delle grandi cittÓ americane. Anche la vita nell'accampamento sembra una grottesca scimmiottatura del modo di vivere dei bianchi: gli indiani si trascinano ubriachi, giocano a carte, usano il denaro e imitano i peggiori comportamenti degli invasori.

La spiegazione non tarda ad arrivare quando i due sono accolti da Mister-Mister. Il capo indiano sembra un perfetto idiota: Ŕ convinto che la sua trib¨ potrÓ sopravvivere solo adottando lo stile di vita dei bianchi, case, vestiti, denaro. Quando Zagor gli fa notare che il suo concetto di integrazione Ŕ totalmente sbagliato, non tanto nel principio quanto nell'attuazione e quando a muso duro gli chiede notizie di Tawar, l'atmosfera si scalda.
Mister-Mister chiama a raccolta i Tunican e ordina di segregare i due ospiti nella tenda rossa dove tiene prigioniero il povero stregone.
Inizia una zuffa colossale durante la quale Zagor, da solo, riesce a rintuzzare tutti gli attacchi dei disorganizzati Tunican, ormai rammolliti e intontiti dall'alcol.
Poi si impadronisce di un carro, passa a liberare Tawar e si allontana senza grossi problemi dal campo.

Tawar racconta ai due amici come Mister-Mister si sia procurato tutti i soldi che girano nell'accampamento e che gli hanno permesso di farsi costruire quel palazzo sontuoso.
Su un altopiano che incombe sul villaggio c'Ŕ l'antico insediamento abbandonato dei Tunican. Gli indiani lo hanno sommerso costruendo una diga artificiale sul Torrente Giallo, dopo che un'epidemia aveva decimato gran parte della popolazione.
Ebbene, insieme alle vecchie dimore, i Tunican hanno seppellito sott'acqua anche un tesoro in monili e oggetti d'oro, manufatti che l'antica popolazione forgiava dall'oro del torrente.
Due farabutti, Morris e Punker, si sono accordati con Mister-Mister, imbottendolo di soldi in cambio dell'oro che i giovani Tunican portano in superficie, immergendosi ogni giorno. Storditi dall'alcol e dai miraggi delle agiatezze hanno vinto la ritrosia a depredare quel luogo sacro per la loro trib¨.

Zagor decide di fare leva proprio sul timore reverenziale che suscita il villaggio sommerso. Dopo essersi pitturato il corpo in modo da sembrare uno Spirito delle Acque, si immerge e terrorizza i raccoglitori, a partire dal giovane Tecondah e di seguito tutti gli altri temerari che avevano ancora il coraggio di tentare.

I due farabutti vengono abbandonati sulla zattera insieme al solo Mister-Mister la cui autoritÓ Ŕ sfumata come i fumi dell'alcol. Quando per˛ i suoi complici mostrano di non avere alcun rispetto per il villaggio sommerso e minacciano di far saltare la diga con la dinamite per liberarlo dalle acque, Mister-Mister riacquista la sua dignitÓ e muore nel tentativo di impedire l'esplosione, salvando la vita allo stesso Zagor.

Tawar assumerÓ il comando della trib¨ e la ricondurrÓ a uno stile di vita pi¨ dignitoso e consono alla loro storia.

Note

Mister-Mister Ŕ uno dei personaggi pi¨ bizzarri creati da Nolitta. Grottesco, stupido e illuso, convinto di conoscere e imboccare la strada del successo.
Per˛ anche nell'eccessiva caratterizzazione del personaggio Nolitta introduce un discorso sull'integrazione lineare e saggio. L'integrazione Ŕ un arricchimento non una farsa. La comunitÓ integrata e quella integrante devono interagire in modo da potenziarsi a vicenda, cogliendo le caratteristiche positive di ognuna e scartando i difetti che si trascinano dietro.
Nessuna delle due culture, integrante e integrata, deve annichilarsi stolidamente nell'altra come invece pensa di fare Mister-Mister. Quello che fa il capo indiano Ŕ travestirsi da bianco, con quella ridicola bombetta sulla quale conserva due penne da copricapo indiano, accentuando gli aspetti pi¨ esteriori, facili da imitare e deleteri; ma alla fine ogni travestimento cade.
Mister-Mister riacquista la sua dignitÓ quando getta la maschera, perde quella ridicola bombetta e attacca i suoi ex-complici, animato solo dal desiderio di difendere la storia della sua trib¨.

Cicorabilia:

  • Fred Salomon, tornato a Fort Henry dall'Australia, si vanta delle virt¨ del boomerang, un'arma formidabile in grado di tornare in mano al lanciatore se non colpisce il bersaglio.
    Ma si vanta soprattutto della sua abilitÓ nell'utilizzo dell'oggetto, sfidando chiunque a lanciarla con la sua stessa maestria e offrendo 50 dollari a chi riuscirÓ a farlo.
    Anche Cico vuole provare l'impresa. Lo lancia talmente lontano da colpire un povero abitante di Fort Henry che si stava rilassando con un po' di giardinaggio.
    Salomon sta sfottendo anche Cico quando il boomerang gli torna dritto sulla zucca rilanciato con rabbia dal poveraccio colpito da Cico. I 50 dollari pi¨ facilmente guadagnati dal messicano!
  • I Tunican si avventano contro Zagor ignorando il piccolo messicano ansioso di battersi con loro. Quando per˛ con un calcione rompe un vaso prezioso della lussuosa dimora di Mister-Mister, Cico si rende conto che forse sono pi¨ manesche le donne Tunican che i guerrieri avvinazzati della trib¨.
    (vedi Cico Guai).
  • Cico viene scambiato per lo Spirito del Fuoco da due Tunican giÓ terrorizzati dalle apparizioni di Zagor come Spirito delle Acque.
    (vedi Cico Guai).
Mister-Mister, disegno di Gallieno Ferri
Mister-Mister
Morris, disegno di Gallieno Ferri
Morris
Bert Punker, disegno di Gallieno Ferri
Bert Punker