100  

numeri

144/146
(195/197)

Pugni e Pepite

238 pagine

Decio Canzio - Gallieno Ferri

Locazioni

  • Darkwood
  • rifugio
  • rendez-vous alla piana dell'Oaks River
  • Goose Creek
  • ufficio di registrazione del claim
  • tendone del Sullivan's Magic Show
  • carrozzone dei Sullivan
  • claim dei Sullivan sul Goose Creek
  • Patibolo sulla Main Street
  • Foresta
  • Hot Spring, sorgenti sulfuree
  • Ufficio dello sceriffo
Personaggi La storia
Gli avversari
  • Chapman, Doc Lester, Jim Baker, Walter Doney, Boston Jack, Duncan, Rochas, trappers
  • Tobia, Romeo, Orazio Sullivan, attori
  • cercatore confinante dei Sullivan
  • Garret, sceriffo
  • Testimoni del processo
  • Wilfred Willoughby il carnefice, boia sfortunato


Una canzone di addio a Darkwood rappresenta il vero inizio di questa avventura con Rochas, Doc Lester, Chapman e Cico che abbandonano Zagor per raggiungere il Goose Creek e inseguire il miraggio dell'oro.
Oh, we are the darkwood trappers far away from home
ever get back to Darkwood we never more will roam
and stay at home in Darkwood, where will work our little truck-farm
!
Ma Cico ha la sfortuna di trovarsi sulla traiettoria del fucile di Rochas che, più ubriaco del solito, lo colpisce per sbaglio.
La ferita si rivelerà essere (parole di Doc) una lacerazione torpida ulcero-infettiva, cioè una semplice abrasione. Ormai però il danno è fatto e Zagor, precipitatosi sulla canoa, segue suo malgrado i suoi amici fino a Goose Creek..
Qui Cico impara a sue spese che i rapporto umani si involano di fronte all'avidità e rimane senza uno straccio di concessione aurifera, mentre i trappers di dileguano.
Una bella sorpresa premia invece Zagor: la scritta The Sullivan Magic Show su un tendone. Così Zagor ritrova i suoi curatori di immagine: i favolosi Sullivan. La famiglia con l'arte nel sangue, abbandonato per il momento l'amore per il teatro, si diletta in numeri di magia, insieme al loro nuovo aiutante: Durga l'egiziano.
Cosa più rilevante, soprattutto per Cico: i Sullivan hanno il claim più ricco dell'intero giacimento.
Il messicano può quindi sfilare sornione e tronfio di fronte ai suoi ex-amici che si arrabattano inutilmente.
Ma il claim dei Sullivan fa gola a Tom Wallace: un farabutto che tutti ritengono responsabile di misteriose sparizioni di cercatori e di rilevamenti abusivi di claims.
La visita di Wallace e dei suoi angeli custodi al claim dei Sullivan finisce in una colossale zuffa, nella quale gli aggressori hanno la peggio.
La convivialità e il buon umore degli amici ritrovati vengono però interrotti da una una visita dello sceriffo che ha un mandato di arresto per Tobia. L'accusa è aver rapinato il Deposit Office di Tom Wallace. Purtroppo nel carrozzone viene rinvenuto un sacchetto parte inequivocabile della refurtiva.
Pa' Sullivan viene tradotto in galera e, dopo un frettoloso e ridicolo processo, condannato a morte (con legittimo sospetto).
Zagor per amicizia e riconoscenza , e soprattutto perché è pronto a giurare sulla innocenza di Tobia, organizza una spettacolare fuga durante l'impiccagione.
Ma Wallace non si dà per vinto e sguinzaglia sulle tracce dei Sullivan una banda di Cree dei quali si serviva per far sparire i cercatori ribelli.
Dopo un sanguinoso scontro rimane in piedi solo Twisted Hair fra gli aggressori: confessa le sue colpe, identifica in Wallace il mandante degli omicidi e rivela di essere atteso da lui alle sorgenti sulfuree di Hot Spring.
Zagor si reca all'appuntamento e neutralizza Wallace e il suo complice Steel dopo aver appreso, con suo sommo stupore, che la rapina al Deposit Office non è inventata ma è successa realmente.
Chi quindi si è sostituito a Pa' Sullivan?
Alla fine il colpevole si rivelerà essere Durga l'egiziano che mirava a prendere il controllo del Claim (lo aveva prontamente registrato a suo nome dopo l'arresto) per rifarsi di tutti gli anni passati a servire Sullivan.
Una storia frizzante che mantiene quello che promette: pugni e pepite.
Nel suo svolgersi però, la vicenda assume tinte più cupe e più gialle. Alla fine l'azione apre al mistero quando Wallace si rivela all'oscuro del complotto.
Mirabile il ragionamento deduttivo che porta Zagor alla soluzione
1)una persona che ha facile accesso al baule dei vestiti
2) in grado di nascondere le pepite sotto la branda
3) un forte interesse a far incriminare Pa'.
e soprattutto lo stratagemma finale con il quale inchioda Durga: degno del miglior Poirot!
La storia si chiude come era iniziata con una canzone: in questo caso un'ode a Darkwood (il fiume):
They say there is a stream where crystal water flow
here is the stream that lead to Darkwood!!

Nota: Burattini, nello speciale 7, ci rivelerà che questa canzone è stata composta addirittura da Wandering Fitzy.
Vittorio Sossi

Cicorabilia:

  • Cico, piazza trappole in ogni dove nella foresta di Darkwood mettendo a rischio l'incolumità dei trappers stessi. Verrà strapazzato bruscamente da un adirato Doc!
  • Viene colpito al sedere dal maldestro Rochas, rimediando per fortuna solo un'abrasione.
  • Ha la fortuna classica del principiante trovando pepite grosse come noci, ma in un modo o nell'altro le "regala" al confinante con maldestri e inconsapevoli sconfinamenti.
  • Durga, aiutante dei Sullivan
  • Tom Wallace, speculatore
  • Steel, braccio destro di Wallace
  • "angeli custodi" di Wallace
  • giudice prezzolato da Wallace
  • Twisted Hair e la sua banda di Cree

- - - -