124  

numeri

203/205
(254/256)

copertine

zagor 203
zagor 204
zagor 205

Il Filtro Diabolico

179 pagine

Marcello Toninelli - Franco Bignotti

Locazioni

  • Catskill Mountains
  • Woodsburg, paese
  • fiume Delaware
  • ristorante Haute Cuisine
  • Rifugio
  • Darkwood, per lungo e per largo
  • Grantsboro, paese
  • Banca di Grantsboro, racconto
  • Pineburg, paese
  • Billiton, paese
  • rapide
  • Marklinville
  • Mulligan's Home, albergo
  • Silver Hotel
  • Banca di Marklinville
  • Grotta rifugio di Bimbo
Personaggi La storia
Gli avversari
  • Trampy, imbroglione.
  • Ristoratore mormone non violento
  • Lady Gwendolen Trumbull, vedova facoltosa
  • Daino Bianco, indiana Susquehanna in ambasce
  • Zeke, oste
  • abitanti arrabbiati di Grantsboro
  • Edmund, sceriffo di Grantsboro
  • Doc Lester, in un cammeo
  • Fred, Paul e il direttore della banca di Grantsboro
  • Maniscalco di Pineburg
  • Sceriffo di Billiton
  • Philemon Ninconpoop Packthread (Little Owl), vecchio trapper inglese
  • Mulligan, albergatore
  • sceriffo di Marklinville
  • Giudice di Marklinville


Prima sceneggiatura pubblicata di Toninelli e c'è subito un drastico cambiamento: Cico lascia Zagor da solo!
Lo Spirito con la Scure non fa in tempo a metabolizzare il dolore della perdita, che una ben più terribile rivelazione lo attende.
A Grantsboro, un paese in cui erano molto conosciuti, viene accolto dall'ostilità e dal malumore degli abitanti. Il perché di tale comportamento gli viene presto spiegato: Cico, insieme ad un complice barbuto, ha appena compiuto una sanguinosa rapina alla banca con tanto di cadavere!
Dallo stesso istante in cui apprende la notizia Zagor non ha altro obiettivo che catturare il messicano, vuoi perché non può credere che sia veramente colpevole vuoi perché non vuole che venga ucciso nel corso degli inseguimenti.
Per ben due volte riesce a mettere le mani su Cico e il misterioso complice e per ben due volte gli sfuggono.
Gli darà una mano nell'impresa il simpatico Little Owl e alla fine, alla resa dei conti nel covo dei due furfanti, scopriremo perché Cico si è comportato in un modo così alieno alla sua natura e soprattutto chi sia il responsabile di tutto.
Dietro la barba si nasconde il bieco "Bimbo" Sullivan, il quale, appena uscito di galera, ha ideato un piano per vendicarsi di Zagor senza alcun rischio e racimolare un bel gruzzoletto approfittando della popolarità di Cico nei paesi di Darkwood.
In carcere aveva conosciuto uno zingaro in grado di distillare un filtro per annullare la volontà e se ne era servito per controllarlo come un burattino.
Una storia coraggiosa e intrigante anche perché per una volta il ritorno di un nemico non è annunciato in pompa magna sulla copertina del numero successivo; fino a 30 pagine dalla fine sfido chiunque ad immaginare che dietro la barbaccia ci fosse "Bimbo" Sullivan.
Tutto impreziosito dai bei disegni di Franco Bignotti.
Vittorio Sossi

Cicorabilia:

  • Cico, è il coprotagonista in negativo di questa avventura ma quello che combina non suscita molta ilarità.
  • Prima di diventare un criminale fa comunella di nuovo con Trampy nella sedicente palandrana del Mago Trampyno. Questa volta l'affare è promettente: resuscitare il marito della facoltosa Lady Gwendolen Trumbull in cambio di 5000 $.
    Forse però Trampyno avrebbe dovuto indagare sul perché la "signora" volesse resuscitare il povero Milton!
  • Ordina un pranzo che avrebbe sfamato una famiglia di 18 persone e ovviamente non tiene conto delle sue finanze!
  • Samuel "Bimbo" Sullivan, bandito alias Aldous Dexter finto agente letterario
  • Cico Cayetano Lopez, sanguinario rapinatore di banche
  • quattro sfortunati ladri di pellicce
  • Guercio e compare, grassatori
  • Dwight Mc Creesch, assassino compagno di cella di "Bimbo"

- - - -