il re delle aquile

Il Re delle Aquile

(Ben Stevens)

L'ultimo volo del vendicatore!


 
il re delle aquile ben stevens
navigazione

Valid CSS!

Blizzard Gazette People

titolo
di Ben Stevens
"Il re delle aquile"

Se c'è una figura, fra i malvagi incontrati da Zagor, che può suscitare sentimenti controversi e attenuazioni delle condanne, quella è certamente Ben Stevens.
Stevens era un tranquillo cercatore d'oro che aveva assistito al massacro dei suoi compagni da parte della furia di un manipolo di Munsee. Creduto morto ha subito la terribile sorte di essere scalpato vivo. Una dolorosa menomazione che lo avrebbe ferito nel corpo come nella mente.
Solo la vendetta contro i suoi aguzzini avrebbe potuto restituirgli un po' di pace.
La sua solitudine, che lo spinse sull'orlo della follia, gli regalò una nuova abilità: la capacità di comunicare con le aquile. Esse non avrebbero mai guardato con disprezzo il suo volto deturpato.
Coll'affinarsi di questa attitudine decise di preparare un piano di vendetta contro i Munsee. Si ammantò di un'aura di soprannaturalità presentandosi come il Re delle Aquile: mascherato come una di loro.
Si circondò di una banda di disperati che avrebbero rappresentato il suo punto debole.
Zagor lo sconfisse dopo aver passato momenti terribili in balìa dei rapaci, e lo vide precipitare abbracciato alla fedele Ayala, con un certo rimpianto.
Ma lo Stevens scalpato era in grado solo di farsi odiare piuttosto che amare. Sopravvissuto alla caduta grazie alle cure di un folle medico scienziato, Prometeus, fu caricato di una nuova menomazione: la perdita della gamba sinistra.
Ormai oltre ogni possibilità di redenzione, trasformò il sogno di Prometeus di pace e armonia fra i viventi e la creazione di una schiera di angeli che vegliassero su questa nuova umanità, in un incubo.
Ultor, la creatura alata di Prometeus aveva perso tutta la sua umanità ed era diventata un'arma micidiale nelle mani di Stevens.
Era il momento della vendetta contro Zagor, che fu attirato con un falso messaggio di Miwok e contro lo stesso capo Munsee, che fu ucciso davanti ai suoi guerrieri impotenti.
Il sacrificio di Prometeus ne sventò il disegno ma lo spirito di Stevens sopravvisse e tornò addirittura dall'oltretomba, richiamato dalle arti arcane del Wendigo e dalla scienza di Hellingen.
Così un uomo che aveva subito dalla vita solo affronti e aveva reagito nel modo sbagliato, fu offeso anche nella morte!
In fede Robert Short

Blizzard Gazette N° 67

La colpa dei Munsee
di Robert Short
"Un'incomprensibile strage"

A causa del solito pasticciaccio di Cico, i due amici erano stati costretti ad una deviazione attraverso le pendici dei monti Catskill, a nord est della Pennsylvania.
cico scopre i cadaveri Sulla riva di un ruscello di montagna si erano imbattuti in un insediamento di cercatori d'oro apparentemente abbandonato. In realtà il silenzio che li aveva accolti era un silenzio di morte.
I corpi, ormai consunti, dei cercatori giacevano massacrati da frecce Munsee.
Zagor, preoccupato per questo oscuro ritrovamento, anche se l'accaduto risaliva a molti mesi prima, non aveva intenzione di indagare ulteriormente; del resto non aveva alcuna autorità sui Munsee.
Ma l'occasione per approfondire la vicenda gli venne offerta da quell'imbranato del suo amico, che piombò in una trappola predisposta per catturare un pericoloso leone di montagna.
miwok il capo dei munsee Zagor arrivò in tempo per salvare dagli artigli del puma sia Cico che gli avventati cacciatori Munsee e poté presentarsi all'accampamento, investito di autorità e ammirazione.
Miwok, il capo indiano, non esitò a fornirgli spiegazioni sul massacro, che ancora appesantiva il suo animo.
Il responsabile dell'eccidio era stato suo padre: un uomo che non aveva mai coltivato l'ostico campo della pace e che era l'unico ad essere morto nell'assalto. Da allora, sotto la sua guida, i Munsee non avevano più compiuto alcuna azione di guerra.
Zagor fu rassicurato dalle parole, che sembravano sincere, anche se un'ombra offuscava il volto di Miwok e gli rubava la serenità.
ayala raccoglie l'oroIl giorno successivo Zagor scoprì la causa di quella inquietudine, mentre assisteva attonito ad un evento a dir poco sorprendente.
Un'aquila di dimensioni gigantesche si posò al centro del villaggio, per nulla intimorita dalla presenza di tanti uomini, e attese pazientemente fino a quando gli indiani non le legarono alle zampe due pesanti sacchetti di polvere d'oro. Allora spiccò il volo incurante del peso del metallo giallo.
Miwok, subito dopo, rispose alle domande che leggeva sul volto dei due amici e raccontò una storia incredibile.
Tempo prima, mentre era con suo figlio e alcuni guerrieri al Piano delle Fonti, nel bel mezzo di un tranquillo bivacco, si era manifestata una terrificante apparizione. Un uomo - ma era poi un uomo? - con la testa di uccello, lo condannò per la strage del torrente e gli impose un severo dazio. Raccogliere l'oro al posto di quegli uomini pacifici barbaramente assassinati.
cervo bianco rapito da ayalaPrima che Miwok e i suoi avessero il tempo di reagire, ad un solo richiamo di quel pittoresco individuo, un'aquila gigantesca, Ayala, piombò sul suo giovane figlio Cervo Bianco e lo trascinò in alto, con la stessa facilità con la quale avrebbe sollevato una lepre di montagna.
Subito dopo, ubbidienti agli ordini del Re delle Aquile, altri rapaci piombarono sul gruppo facendo scempio con i loro becchi e i loro artigli di tutti i guerrieri di Miwok.
Il capo Munsee ancora ricordava quella voce tuonare e stridere mentre invocava i loro nomi: Unkar, Sabah, Alma...
Da allora, ogni tre giorni Ayala, puntuale come un pony express, planava sul villaggio e tornava al rifugio ignoto del Re delle Aquile, sugli impervi e spogli picchi delle Catskill.
Zagor aveva intuito che quel ricatto non avrebbe mai avuto fine e, comunque, che Miwok non avrebbe più rivisto suo figlio e si offrì per liberarlo.
Dopo aver ricostruito il contorto percorso di Ayala, tramite una rete di osservatori, oltre il Monte Punta di Lancia attraverso il Bosco Splendente e sopra il Fiume Giallo, seguì il rapace sul Monte del Grande Fuoco: un picco desolato distrutto da un disastroso incendio.
Alle falde del monte un'imprevista caduta mise fuori gioco Cico e Zagor fu costretto a proseguire da solo.
zagor al campoIl Re delle Aquile aveva una guardia personale di brutti ceffi, che indossavano le stesse spaventose maschere, ma che erano molto meno pericolosi del capo.
Per penetrare nel campo, Zagor fu costretto ad eliminare Ken e Hastings, i due uomini di guardia e, camuffato come un membro della banda, raggiunse agevolmente la baracca nella quale era rinchiuso Cervo Bianco.
Il ragazzo, spaventato, con le sue urla mise in allerta i rapitori e Zagor finì anche lui prigioniero dopo una furiosa lotta, in balia di quegli uomini senza scrupoli che gli organizzarono una morte spaventosa, furiosi per il ritrovamento dei cadaveri dei compagni.
Zagor fu legato su un piccolo pianoro in attesa di essere straziato e smembrato dai becchi uncinati e dagli artigli affilati dei rapaci del Re delle Aquile.
Una morte più spaventosa è difficile da immaginare. Eppure in questo modo terribile sarebbe finita la leggenda dello Spirito con la Scure, se il piccolo messicano non avesse tirato fuori un'altra delle sue trovate. Raggiunto l'amico ormai allo stremo spaventò le aquile con una fionda: improvvisata ma efficace.
Zagor pensò allora di rivolgere la sua morte contro i nemici ricorrendo ad una delle sue collaudate rappresentazioni.
Legato al suo posto il corpo di Hastings, una delle due sfortunate sentinelle, attese che la notte desse il tempo alle aquile di divorare il cadavere e fornisse lo scenario ideale per l'arrivo del suo spaventoso Spettro...

Blizzard Gazette N° 68

Il Re delle Aquile!
di Robert Short
"La tragica storia di Ben Stevens"

zagor lo spettroI Sullivan avevano istruito a dovere il giovane Pat Wilding sui vantaggi di una presenza scenica e Zagor aveva fatto tesoro dei loro insegnamenti. Non li lesinava né ai raduni annuali dei capi di Darkwood né in situazioni disperate per impressionare avversari della sua stessa razza.
Della sua abilità avevano già fatto le spese gli sgherri di Timber Bill e gli scalcinati complici del Re delle Aquile furono un pubblico altrettanto ricettivo.
zagor lo spettro colpisce ancoraQuando i due uomini di guardia, Alan e Korvic, videro avvicinarsi lo Spettro, all'inquietante bagliore lunare, cedettero al panico e si lasciarono sopraffare in un batter d'occhio.
Lo stesso accadde agli altri. Tranquillamente intenti alle loro mansioni o sorpresi in un robusto sonnnellino.
zagor assalta la baraccaMa il Re delle Aquile era fatto di tutt'altra pasta!
Asserragliato nella sua baracca con l'ultimo complice, Appel, resistette fino all'ultimo tanto da costringere Zagor ad un pericoloso assalto frontale per stanarlo.
Gettò la maschera, infine. E, quando si tolse il copricapo, la sorpresa e il disgusto assalirono Zagor e Cico. Quell'uomo aveva il volto solcato da impressionanti cicatrici, rosse di dolore e di odio.
ben svela il suo volto martoriatoFu allora che il Re delle Aquile raccontò la sua storia e l'origine del suo odio per i Munsee.
Ben Stevens, questo era il suo nome, era l'unico sopravvissuto del massacro dei cercatori d'oro.
Pacifici, sorpresi nella notte intenti ad una tranquilla partita a carte erano stati assaliti a tradimento dai Munsee assetati di sangue guidati dal padre di Miwok, massacrati a colpi di frecce e di scure.
ben pensa di morireAveva visto cadere i compagni uno a uno trafitti e straziati nel corpo, Jed Parker, Max Homburg e Kid Bannyon, quest'ultimo poco più che un ragazzo. Per lui il destino aveva in serbo una pena più crudele. Creduto morto era stato scalpato vivo e le ferite che aveva sulla testa erano ben meno profonde di quelle che erano state inferte al suo cuore, gonfio di odio.
Da allora il suo scopo era stato solamente la vendetta. Il mezzo per vendicarsi dei Munsee gli era stato offerto dalla natura. Rifugiatosi sui rocciosi altopiani dei monti Catskill, solo con la sua menomazione e i suoi pensieri, aveva raccolto un aquilotto che aveva chiamato Unkar. Incredibilmente era riuscito ad addomesticarlo e soprattutto era in grado di comunicare con lui e impartirgli semplici ordini. Euforico per il successo aveva ordinato ad Unkar di portargli altre aquile fino alla splendida e gigantesca Ayala. Un'aquila di proporzioni immense in grado di trasportare senza sforzo apparente, persino il giovane Cervo Bianco.
Era pronto per la sua vendetta!
Ma la vendetta aveva ceduto il passo all'ingordigia e aveva preferito usare il terrore ed il ricatto per arricchirsi.
Zagor, scosso e impietrito per le sofferenze che aveva dovuto sopportare quell'uomo, si fece sorprendere e in men che non si dica Ben Stevens stava arrampicandosi sulle rocce scoscese dei picchi, chiamando a raccolta le sue aquile..
Questi si avventarono sullo Spirito con la Scure che folle di rabbia e disperazione li sterminò.
Stevens, con alle spalle un precipizio, osò l'inosabile. Aggrappato alle zampe della sua amata Ayala cercò di raggiungere in volo un picco vicino e sottrarsi all'inseguimento. Ma il fiero rapace non aveva la forza per sostenere un uomo adulto e precipitò con il suo signore nel crepaccio.
Stevens tornò ma questa è un'altra storia....

Darkwood Today

L'anti Zagor!
di Vittorio Sossi
"la via del bene e la via del male"

Ben Stevens, il Re delle Aquile, è l'avversario di Zagor che preferisco del periodo nolittiano, secondo solo, ovviamente, al diabolico Hellingen. La copertina del Re delle Aquile, con Zagor incatenato alla roccia come Prometeo, e le chimere uomo-rapace che incombono su di lui è una di quelle che non si dimenticano... E io ho espresso il mio gradimento come facevo di solito a quella età scarabbocchiandola e ricalcandola. (Mah?)
Il pathos e il dramma all'origine della sua genesi, la menomazione, il comprensibile odio e il desiderio di vendetta sono le radici del suo successo. Anche Zagor alla fine della prima storia a parole di conforto per il nemico: ... Se tu avessi avuto il coraggio di affrontare il giudizio degli uomini, forse la tua terribile storia le tue sofferenze fisiche, avrebbero suscitato la clemenza della legge.
E come si può non desiderare guardando il suo volto sfigurato, il sudore che cola lungo la sua orrenda cicatrice, l'implacabile inseguitore che si arrampica sul costone roccioso e Ayala che si libra maestosa in cielo, che i due, l'aquila e l'uomo non raggiungano il picco e si sottraggano alla punizione?
Il tema della vendetta ricorre spesso in Zagor come nel caso di Hakaram il personaggio al quale era stata distrutta la famiglia nell'albo i Tagliatori di Teste o l'Avvoltoio del numero 22. Epigoni di Edmondo Dantes, il conte di Montecristo, che consacrano la vita alla distruzione di coloro che hanno causato la loro sofferenza.
Però Ben Stevens ha una marcia in più.
Un altro personaggio in Zagor deve la sua nascita ad una vendetta!
Zagor stesso!
E guarda caso Ben Stevens e Zagor hanno molti punti in comune. Un massacro ingiustificato, grottescamente nel caso di Stevens era proprio ingiustificato nel caso di Zagor il padre aveva la sua buona dose di colpe, una vendetta consumata, un'aura di soprannaturalità per impressionare i pellerossa e, soprattutto, le aquile: Stevens le comanda e Zagor ne è lo spirito.
La differenza sostanziale è che Zagor raggiunge la sua vendetta e si rende conto di quanto sia stata inutile e ingiusta. Ma Zagor non è solo. Ha una guida preziosa che lo aiuta a capire, anche con il suo sacrificio: Wandering Fitzy.
Stevens è solo, deturpato, menomato, incanalato in un naturale percorso di follia.
Qui cambia il destino, si dicotomizza: quando a Stevens è offerta una possibilità di redenzione non la coglie, ma preferisce affidarsi alla sua unica amica Ayala.
Stevens rifiuta completamente gli uomini che non comprende più, per chiedere troppo alle aquile che forse non possono tradirlo, ma neanche offrirgli l' aiuto e la comprensione che a volte, solo nell'umanità trova il seme per fiorire.
La storia di Stevens poteva finire qui ma è tornato ben due volte: il primo nolittiano ritorno, splendido al pari del primo incontro, con uno Stevens ancor più menomato e incattivito, al quale l'augusta figura di Prometeus non riesce a strappare la redenzione.
Il secondo ritorno, quello orchestrato da Boselli, per me è stato come una coltellata. Se si doveva tirare fuori dal cappello un vecchio nemico di Zagor in grado di tramutare gli uomini in animali perché non riesumare quel vecchio rincitrullito di Basileo?

osservazioni
dati
Stevens l'anti-Zagor
in altre pagine
Ultor
il Re delle Aquile di
disegni Gallieno Ferri
storia Guido Nolitta
Ben Stevens
scheda Vittorio Sossi