ATTENZIONE!!! se visualizzi questo pagina senza formattazione alcuna con testo nero su fondo bianco vuol dire che stai usando un browser che non supporta i CSS!!! Si tratta delle versioni di explorer anteriore alla 5, netscape 4 e inferiori, opera 5 e altri che probabilmente non conosco. I contenuti del sito immagini e testi dovrebbe comunque essere leggibili. L'unico problema Ť la barra del mený di navigazione che non si vede completa. La puoi rggiungere a questo indirizzo menu.

Osservazioni
Iktomi è il demone degli inganni. La sua anima è la menzogna il suo credo l'incomprensione. Una figura attuale nella nostra società costruita sui miraggi. I Lakota lo avevano capito... noi siamo sempre più lontani dalla comprensione.
 
Ksa nasce dall'uovo
(Barbati-Ramella)
Velenoso scorpione
(Barbati-Ramella)
Pipistrello nella sua caverna-rifugio (bat-caverna)
(Barbati-Ramella)
Verità sotto il pelo dell'acqua
(Barbati-Ramella)
Correlazioni
apparizioni
  • N°13 Iktomi affronta MV con le sue tecniche ingannatorie.
Il demone degli inganni

Attraverso la voce di Magico Vento Manfredi inizia il numero con il racconto della parabola discendente di Iktomi. Dall'Inyan, una distesa di nuda roccia all'inizio della creazione si formò un uovo dal quale scaturì Ksa: l'uomo alato. Un essere bellissimo che aveva il vizio di dire sempre la verità. Questa sua attitudine ne attirò l'ira del consiglio degli dei, infastiditi dalla sua sincerità, che lo tramutarono in Iktomi: il deforme e subdolo demone degli inganni che nascondeva la verità dietro un paravento di menzogne e che celava sempre la reale natura di ogni cosa.

Amico degli animali, ai quali aveva assegnato i singoli nomi, Iktomi odiava gli uomini: la sua ira si rivolse contro la nazione Lakota. Iktomi si adoperò per fomentare l'odio e il pregiudizio fra i sioux; i saggi sciamani riuscirono a contrastarne il potere diffamatorio e disgregativo e da allora una cerimonia commemorativa, la Hunka, ricorda lo sforzo fatto dai lakota per mantenere la loro unione e la la loro forza.

A questa cerimonia si accingono a partecipare Poe e MV senza immaginare che Iktomi è in agguato. Impadronitosi di Uccide-se-Stesso, l'indiano heyoke che agendo sempre al contrario è particolarmente vulnerabile alle insidie del demone degli inganni, Iktomi attira MV in una trappola e serviranno tutte le virtù magiche e umane dello sciamano per non cadere nella serie di inganni.

Una figura che mette i brividi e che appare sempre per quello che non è sfruttando le debolezze dei singoli antagonisti - infatti Cavallo Zoppo rivela al suo discepolo che non c'è una via da seguire in quanto ogni uomo sacro deve trovare la sua via - :

Uccide-se-Stesso è facile preda dei dubbi insiti nella sua missione di heyoke tanto da arrivare ad asserire: è chiaro! non so che sto facendo... ed è per questo che lo faccio

Poe particolarmente sensibile al fascino femminile ma nello stesso tempo con un rapporto quasi misogino con l'altro sesso, del quale non riesce mai a fidarsi completamente, viene contattato da Iktomi sempre sotto forma di donna per poi rivelare un animale velenoso (scorpione o ragno).

Contro MV Iktomi dà fondo a tutto il suo repertorio cercando di farlo cadere in trappola ad ogni livello di conoscenza: braccato dallo sciamano, che non può ucciderlo ma può scacciarlo definitivamente, Iktomi si rifugia nella sua caverna.

Inganna MV con illusioni ottiche, assume la forma del suo Ate Cavallo Zoppo tradito però dalla sua natura speculare, istiga il dubbio della doppia natura di MV bianco fra i lakota e lakota fra i bianchi, lo raggira con miraggi...

Un mito indiano che è molto attuale in una civiltà come la nostra in cui tutti si fermano all'apparenza senza indagare sull'essenza.

Vittorio Sossi

Navigazione